La Ferrata del Cabirol non deve chiudere, ma essere rilanciata

La via ferrata del Cabirol è aperta da anni e, sino a oggi, nessuno si è mai fatto male. Anzi: il territorio ne ha beneficiato, e deve continuare a farlo

Claudio Simbula

Claudio Simbula

Blogger, pubblicista, bipede.
Se c’è qualcosa che sogni di fare, comincia a farla.
Facebook: Claudio Simbula | Instagram: @sigla
http://claudiosimbula.com/
Claudio Simbula

Ad Alghero c’è una delle vie ferrate più belle del mondo, la Ferrata del Cabirol, a Capo Caccia.
Un’ordinanza del Comune potrebbe chiuderla.
Verrebbe da chiedersi: perché, ancora una volta, ad Alghero si vuole far chiudere qualcosa che funziona?

La via ferrata del Cabirol è aperta da anni e, sino a oggi, nessuno si è mai fatto male. Anzi. Questa via ha fatto del bene alla popolarità e immagine del Parco di Porto Conte e dell’area di Alghero.
Si tratta di un’attrazione unica, formidabile, che punta a promuovere un turismo attivo che rispetta l’ambiente, lo vive in prima persona, immergendosi all’interno. Fruendo delle bellezze che questa terra offre, senza danneggiarla, senza comprometterne il paesaggio.

Io credo che escursionismo, turismo attivo e sostenibilità siano le carte vincenti che Alghero e la Sardegna dovrebbero iniziare a giocare sempre più spesso, con sempre più forza.
Allora, perché non affrontare la questione con calma?

Fermiamoci un attimo e trasformiamo questa crisi in un’opportunità.

Non chiudiamo la ferrata del Cabirol: esaminiamo la questione. Nel caso ci fossero degli aspetti da affrontare, delle migliorie da apportare, che si inizi a realizzarle.
Ma non perdiamo anche questa opportunità: sarebbe un errore colossale (senza considerare le ipotetiche ricadute sulla stessa scala del Cabirol). Iniziamo a valorizzare quanto di buono e bello c’è in questo territorio. Con buonsenso, passione e professionalità.

Un gruppo di appassionati ha lanciato una petizione per sostenere la Ferrata del Cabirol, è disponibile a questo link.

Io spero che la Ferrata continui a rappresentare un punto di forza per questa località.
Penso a un rispetto dell’ambiente attivo, che promuova davvero il territorio e ne fruisca, con rispetto.

Incrocio le dita.


 

Commenta

commenti